la storia del laboratorio omeopatico Schmidt-Nagel

Un laboratorio nato dalla passione per l’omeopatia

Tradizione e Modernità: l’omeopatia si basa su pratiche sperimentate da diversi secoli, tuttavia risulta essere una delle medicine più moderne. Il laboratorio Schmidt-Nagel, fondato nel 1927, basandosi sulla sua ricca eredità, non solo ha tramandato questa pratica, ma l’ha anche innovata, impegnandosi per conseguire la più elevata qualità di fabbricazione dei suoi rimedi.

Il laboratorio Schmidt-Nagel è nato nel 1927 da una passione per l’omeopatia, comune al Dottor Pierre Schmidt, uno dei più eminenti omeopati svizzeri dell’inizio del XX secolo e a sua moglie, Dora Nagel, farmacista.

Influenzati dai lavori di Hahnemann, Korsakov e Kent, la coppia cerca sin dall’inizio la perfezione nella fabricazione di medicamenti omeopatici, per accreditare una medicina ancora ampiamente criticata all’epoca.

Dei medicamenti omeopatici di alta qualità

Escludendo l’idea di preparazioni omeopatiche industriali e standardizzate, il laboratorio Schmidt-Nagel ha sempre prodotto medicamenti di elevata qualità terapeutica ed energetica seguendo protocolli rigorosi, nel rispetto della filosofia dei suoi fondatori.

Dei medicamenti prodotti in maniera artigianale

Resistendo alle diverse correnti di pensiero che hanno agitato la medicina omeopatica, il laboratorio Schmidt-Nagel rimane fedele all’approccio hahnemanniano classico e produce i propri medicamenti secondo una scala artigianale, rispettando le buone prassi di fabbricazione in vigore, criteri essenziali per ottenere un rimedio omeopatico di qualità.